Consigli Antidepressivi

Una delle cause più frequenti della depressione è vivere passivamente nella propria zona confort senza neanche minimamente provare ad andare oltre....non si è soddisfatti, ma si accetta lo stesso la situazione e inconsciamente non si vuole cambiare.
Invece di essere concentrato su te stesso, i tuoi bisogni (che possono o meno essere soddisfatti), le tue aspettative (che gli altri possono o meno soddisfare), i risultati (che il lavoro potrà o meno portare), guarda fuori di te e inizia a donare gratuitamente attenzione, rispetto e gentilezza al mondo che ti circonda.
Lo so, questo è il passo più difficile, perciò è necessario esercitarsi gradualmente.

Prova a sorridere di più. Ascolta le storie che ti racconta la gente. Fornisci consigli gratuitamente. Diventa quello a cui gli altri si rivolgono quando sono giù. Incoraggia gli altri a superare gli errori.

Diventa una risorsa stabile per chi ti sta intorno, anche nel lavoro. Approfondisci le tue conoscenze per dare sempre di più ai clienti o ai colleghi. Non solo per avere qualcosa in cambio, ma anche perché tu vuoi davvero che gli altri abbiano successo.

Fai qualcosa anche per le persone che non conosci. Individua qualcuno che a pelle ti sembra meritevole di attenzione e inizia un nuovo scambio da cui non sai cosa potrà arrivarti.

Tutti questi suggerimenti possono realmente diventare parte integrante delle tue abitudini. Basta solo che tu decida che sia così. Applica questi consigli dapprima in modo deliberato e un po’ forzato, finché non diventano la tua “seconda natura”.
Quando ciò accadrà, te ne accorgerai, perché ti sentirai contento per la maggior parte del tempo, i momenti di tristezza ti appariranno facilmente superabili e gli altri inizieranno a guardarti in un modo un po’ “diverso”.

Fabrizio - Benessere Mentale


 

No response to “Consigli Antidepressivi”

Posta un commento

CREA IL TUO CONTO ONLINE FACILE, CONVENIENTE, SICURO E GRATIS:

Effettua la registrazione a PayPal e inizia subito ad accettare pagamenti con carta di credito.

IL VIDEO DELLA SETTIMANA