A volte bisogna Rischiare

"Due semi si trovavano fianco a fianco nel fertile terreno primaverile.
Il primo seme disse: «Voglio crescere! Voglio spingere le mie radici in profondità nel terreno sotto di me e fare spuntare i miei germogli sopra la crosta della terra sopra di me… Voglio dispiegare le mie gemme tenere come bandiere per annunciare l’arrivo della primavera… Voglio sentire il calore del sole sul mio volto e la benedizione della rugiada mattutina sul miei petali!» E crebbe.
L’altro seme disse: «Ho paura. Se spingo le mie radici nel terreno sotto di me, non so cosa incontrerò nel buio. Se mi apro la strada attraverso il terreno duro sopra di me posso danneggiare i miei delicati germogli… E se apro le mie gemme e una lumaca cerca di mangiarsele? E se dischiudessi i miei fiori, un bambino potrebbe strapparmi da terra. No, è meglio che finché ci sarà sicurezza.» E aspettò.
Una gallina che raschiava il terreno d’inizio primavera in cerca di cibo trovò il seme che aspettava e subito se lo mangiò."

Morale della favola: Chi di noi rifiuta di rischiare e di crescere viene inghiottito dalla vita".
(Patty Hansen)

Se vuoi ottenere grandi risultati nella vita devi saper vivere con l’incertezza di quello che accadrà perché solo così potrai ambire a mete ambiziose.
Le cose di cui puoi essere davvero sicuro della vita sono davvero poche e non di grande valore, salvo una: te stesso!
Credi nelle tue capacità fino in fondo perché ti darà la forza di andare avanti anche quando ti sembra che tutto ti remi contro, guardati dentro solo lì puoi trovare la chiave del tuo successo!

Fabrizio - Benessere Mentale


 


7 Responses to “A volte bisogna Rischiare”

Luisa ha detto...

grazie, queste riflessioni arrivano sempre al momento giusto!

Fabrizio Sammarco ha detto...

Grazie Luisa! Nella vita bisogna sempre mettersi in gioco...chi osa, prima o poi ottiene.
Un abbraccio
Il Potere della Mente

Anonimo ha detto...

In amore si deve rischiare pur sapendo che forse potrebbe andare male anzi quasi sicuramente ? Eravamo grandi amici ora parliamo poco ed e' pure fidanzata che fare?

Fabrizio Sammarco ha detto...

è quel "anzi quasi sicuramente" che mi preoccupa! ma se vuoi scalare il monte bianco e prima di iniziare hai già la consapevolezza di non farcela, forse è meglio che non inizi neanche, ti pare? Osare vuol dire vincere la paura di perdere! La tua motivazione deve essere dettata dal tuo "perchè"; il come sarà una conseguenza. non darti le risposte da solo alle tue domande, ci tieni veramente? Solo questo conserva nella tua mente e osa mantenendo ferme le tue convinzioni. Grazie per il tuo commento.

Anonimo ha detto...

E se osi con un ragazzo che si è lasciato 5 mesi fa... a cui piaci.. e ti dice che non può pensare ad una relazione.. non sa cosa vuole... io mi lancio nel buio... accetto di vivere la cosa con tranquillità senza aspettative, senza paranoie... ci vediamo e poi scompare nel nulla... dopo una bellissima giornata insieme... cerco spiegazioni e mi sento dire: sei splendida ma ho capito che ora devo stare da solo... e io mi sento una stupida perché ci ho provato nonostante sapessi che non voleva una storia... mi sono adeguata a lui... al suo non etichettare nulla... restando a mani vuote... vale sempre la pena di rischiare?!??!?!

Fabrizio Sammarco ha detto...

Cara Anonima, pensi di essere arrivata alla fine? Credi che con lui sia finita per sempre? Lui ti ha detto che vuole stare da solo, non ti ha detto che non ti vuole..Anche in condizioni difficili, bisogna sempre vedere il bicchiere mezzo pieno, bisogna saper cogliere in un apparentemente fallimento, tutto ciò che di buono hai trovato (la giornata passata insieme ad esempio). E' importante dare alle parole il giusto peso senza enfatizzare nulla e senza cercare di dare una risposta ad un quesito che ancora non esiste. Vedi la cosa come un piccolo ostacolo che stai per superare; focalizzati su di lui; rivivi mentalmente ogni momento passato insieme a lui; ma soprattutto...NON MOLLARE MAI!! Ricordati....che a volte ritornano. Teniamoci in contatto. A presto

Anonimo ha detto...

beh... la frase: vuole stare da solo, non ti ha detto che non ti vuole è illuminante... ma non è pur sempre un rifiuto?!

Alcune volte tornano... non credo... comunque la fase più difficile è l'accettazione che dalla'altra parte non ci siano le stesse sensazioni che ci sono dalla.mia parte... brucia accettare un fallimento... comunque davvero interessante leggere le sue risposte... il bello sarebbe riuscire ad applicarle... mi chiedo perché alcune volte ci fissiamo su chi non fa per noi... forse la.voglia di farcela comunque... chissà...

grazie!

Posta un commento

CREA IL TUO CONTO ONLINE FACILE, CONVENIENTE, SICURO E GRATIS:

Effettua la registrazione a PayPal e inizia subito ad accettare pagamenti con carta di credito.

IL VIDEO DELLA SETTIMANA